giovedì 2 marzo 2017

APPARIZIONI DI SUOR ANNA ALI'




Caterina Selmin, un'amica in facebook  ha proposto a molti la lettura di questo testo su Suor Anna Alì, quindi ho deciso di scrivere qualcosa su quanto in questo link riportato. Che per alto conferma molto di quello che io stesso dico da molto tempo. 


Ovviamente come si legge il testo proposto dal link è stato filtrato dal propositore dell'articolo che in qualche modo tenta di interpretare le parole della Suora, e ho notato nel testo delle parole che non sono consone al testo reale della rivelazione fatta da Cristo a Suor Anna Ali, come quando dice delle brigate rosse, io ritengo che la descrizione sia stata alleggerita per non urtare il governo Italiano ed altre parti, dove si vede bene l'intervento del mediatore. 


una della cose più interessanti del testo è questa , che denota come quel che suor Anna Ali dica la verità, perchè sono cose che io stesso ho vissuto identiche: 

" Di fronte alla sua santità ci si sente miserabili...Non è possibile descriverlo. In sua presenza si ammutolisce, ci si sente persi".

E' proprio così che avviene, quando v'è la manifestazione sia di Gesù il Cristo di Dio, che della Madre Sua l'Immacolata,  nessuno a cui si manifestano, può più parlare si è talmente estasiati che è impossibile dir qualsiasi cosa, se non interrogati.  Questo l'ho sempre detto. 
Quindi c'è da chiedersi sinceramente quando altri soggetti presunti veggenti gli appare la S.Sma Madre di Dio e Gesù stesso e parlano con chi parlano?

"Quando le appare è triste, gentile, serio, felice?" "Quando dà dei messaggi ha una voce colma di pietà, quindi è triste, ma la sua è una tristezza d’amore. A volte piange lacrime di sangue".

Anche questo è assolutamente vero, Gesù non ride mai, ne ieri, me oggi, ne domani, ancor di più in questi tempi angosciosi, certamente questa visione esprime esattamente quello che è Gesù nella sua vera sacralità e santità. Si discosta in maniera netta dalle apparizioni di sedicenti veggenti che dicono che la madonna in questi tempi sorride ed è allegra, se non sorride il figlio, figuriamoci la Madre Sua, che manifesta sempre quello che è il figlio! 

"Perché piange?" "E molto addolorato per il modo in cui lo trattano quelli a cui Lui ha affidato le anime. Alcuni lo insultano durante l’eucarestia e vogliono distruggerlo proprio in quella sede... E triste anche a causa della vita spirituale dei suoi consacrati...".

Ecco il Santo rimprovero verso la Chiesa del tempo presente, considerando che i messaggi sono stati dati negli anni 80-90, quindi ora com'è Yeshua nostro Signore? Se allora era addolorato, oggi com'è come la chiesa che si sta auto distruggendo da sola? 

Il riferimento è chiarissimo verso il clero, tutti i preti, vescovi e cardinali, di ogni ordine e grado. Lo insultano durante l'eucarestia, figuriamoci oggi cosa fanno, molto di peggio... proprio in quella sede.. riferimento chiaro alla chiesa, ma anche al Vaticano. 
La vita spirituale dei consacrati, come si vede aveva predetto il tempo presente, ma anche quello di quel tempo che già iniziava a cadere in basso. 

"Come si è sentita la prima volta che ha visto Gesù?" "E difficile da spiegare. Mi sentivo in uno stato di torpore".

Questa descrizione è autentica, perchè è proprio così che avvengo le estasi e gli stati estatici, si entra in una specie di torpore, e non sei più nelle condizioni di decidere di te stesso, non sai quel che fai e non hai più volontà, spesso non sei neppure più presenti nel luogo, spiritualmente parlando, il tuo spirito viene richiamo verso Dio.



La profezia apocalittica di Porta Angelica s’incentra sull'ipotesi di una catastrofe analoga a quella preannunciata dalla Madonna nelle apparizioni di Fatima e La Salette. Molto risoluta, però, appare la volontà di evitarla, da parte di Gesù, che per questo chiede la collaborazione di coloro che altrimenti ne sarebbero travolti: "Preparatevi tutti, buoni e cattivi, adulti e bambini, preti e suore, tutta l’umanità. Io li amo tutti, e concedo loro del tempo... Io non voglio che alcuno perisca... Amo l’umanità, e desidero riversare la mia pietà nel cuore degli uomini... Io li aspetto, la mia pietà è immensa..." (messaggi del 29 ottobre 1987 e del 31 marzo 1988). Il suo intento salvifico si scontra tuttavia con una situazione di tale degrado che Lui stesso incontra difficoltà a governarla. "Vengo crocifisso e insultato, bestemmiato e rinnegato, eppure continuo ad amare... Riverso lacrime e sangue sull'umanità. Come un mendicante chiedo meditazione e consolazione del male...". Ma l’appello non sortisce a tutt'oggi effetti, lamenta il Cristo: "L’umanità mi tradisce come Giuda e porta le anime a inseguire amori colpevoli come il denaro, fino alla perdizione. Satana ha annerito gli spiriti che già si erano rivoltati contro se stessi. 
Il male si contorce 

come un serpente mostruoso che inconsciamente avvolge le anime... E l’ora di Satana...





Come vedete Cristo parla chiaramente di evitare la ricchezza e il danaro tanto inseguito da tutto il mondo e da sedicenti veggenti che portano fuori strada il mondo che li segue. m dice che egli ha sempre il desiderio di perdonare tutti anche quando queste anime impenitenti lo maltrattano e sono ad esso avverse, perdona anche quelli che sono dei giuda verso di lui, quindi se il mondo la smettesse di seguire i falsi profeti e i falsi maestri e si mettesse nella retta via del vero Vangelo di Cristo, molte anime si salverebbero e Gesù salverebbe, perchè è quello che desidera, non vuole la morte di nessuno, non vuole la perdita di nessuna anima.





Ma come dico sempre tutto è nella nostra mani, nella nostra volontà.






Molta assomiglianza di queste profezie con i testi sia di Fatima che la salette, ma direi anche di altri mistici e profeti più lontani nel tempo e della stessa apocalisse.

"Il diavolo si è infiltrato, come avevano del resto anticipato le più raggelanti profezie mariane, nel seno stesso della Chiesa. Mescolandosi ai preti "sta facendo di tutto affinché venga abolito il sacrificio della messa".

Come si vede anche Suon Anna Alì riceve la stessa profezia, ecco il tempo si avvicina e vediamo come Bergoglio sta progredendo verso questo epilogo, il cambiamento del rituale, che poi diverrà e perderà il suo senso reale fino all'abolizione totale. 



"il primo colpo è vicino" e che "il sottile filo che separa il mondo dal baratro sta per spezzarsi". Intorno "tutto è silenzioso, immobile come se l’Onnipotente non esistesse".

Infatti oggi dove siamo finiti? 
Che Dio è diventato obsoleto, non esiste più, il mondo non lo vede più, non è più una prerogativa importante, ovviamente questo a causa di taluni nella società in primis la massoneria e quella ecclesiastica che ha aiutato quella laica e atea, in questo concetto di liberarsi dall'idea di Dio come custode dell'uomo e suo Sovrano.


il Figlio sa bene quale sarà, se non potrà essere evitato, il castigo: "Un fuoco improvviso scenderà su tutta la terra. Gran parte dell’umanità sarà distrutta (18 settembre 1987)... Sarà un tempo di disperazione per gli empi.





Il riferimento è chiarissimo ad un evento sia cosmico che terrestre, ma il fatto di dire scenderà non indicala terra, ma che viene da fuori di essa, quale possa essere è poco importante, ma il fuoco può essere di due tipi o solare, che è molto probabile o da cometa-asteroide. Però non si può escludere che prima di questo non ci possa essere anche un guerra nucleare. 




Sarà un tempo di disperazione per gli empi. Mi imploreranno con grida e bestemmie sataniche di ricoprirli con le montagne, fuggiranno a cercare rifugio nelle caverne, ma invano... Nel cielo appariranno nubi fiammeggianti e sul mondo cadrà una tempesta di fuoco [7 ottobre 1987].
.Verrà versato molto sangue e le strade saranno piene di cadaveri [8 ottobre 1987]... Le chiese verranno saccheggiate; ci saranno terremoti, malattie senza speranza, rivoluzioni e tempeste: il mondo verrà interamente trasformato. Il grande cataclisma che si abbatterà improvvisamente sulla terra sarà terrificante, come se fosse la fine, ma l’ora finale non è ancora giunta, sebbene non sia lontana [13 ottobre 1987]... Ci saranno diluvi, terremoti, distruzioni, eruzioni, omicidi, epidemie, carestie [14 ottobre 1987]... Tutte le nazioni saranno sommerse di lacrime; ci sarà lutto, castigo, terremoti, inondazioni e ogni genere di malattie [20 ottobre 1987]... L’intero mondo sarà in guerra, invaso dalla rovina e dalla morte. Le armi mortali non solo stermineranno gli eserciti ma distruggeranno anche le cose più sacre e sante, i bambini, gli anziani e gli infermi [12 novembre 1987]...". Verranno "tempi peggiori del grande diluvio", prosegue la predizione. 

"Il cielo sarà coperto da una densa nebbia e la terra sarà scossa da terribili terremoti che faranno aprire profondi abissi, ingoiando città e province [21 novembre 1987]... Abissi, montagne e lava fiammeggiante inghiottiranno interi villaggi. Ci saranno elettroesecuzioni, mari in tempesta, suicidi, droghe, malattie [22 novembre 1987]... Il mondo attuale è peggio di Ninive... E una catena di scandali, una palude di fuoco, di letame, di fango...".


Questo testo identico all'apocalisse, la ricalca. Questo documento si riferisce alla parte finale di quando avverranno gli ultimi eventi, sempre legati strettamente alle decisioni della massoneria ecclesiastica che ormai oggi domina nella chiesa. 

Ed è anche quello che a me la Madre di Dio mi ha mostrato, direi praticamente lo stesso.

Devo far notare un modo di palare di chi presenta questo testo, che personalmente non mi piace, ha un senso quasi da presa per i fondelli...

"Il Cristo di suor Anna"

Il termine IL  posto prima della parola Cristo, è intenso in senso dispregiativo, se fosse stato corretto chi ha scritto questo articolo non avrebbe scritto IL, ma avrebbe iniziato la frase con un altra forma, questo significa che chi ha scritto questo articolo non crede molto alle apparizione di Suor Anna Alì. Quanti Cristi esistono?



"suor Anna ricorda anche le brigate rosse e parla di una loro infiltrazione nel governo,"

Colui che scrive ed interpreta è preoccupato di non infliggere sul governo italiano, quindi l'interpretazione non conta proprio nulla, il testo va letto così come è stato dettato, volete che Cristo non sappia cosa dice?



"In attesa che ciò accada "Roma si sta preparando a essere distrutta dal crescere di una coscienza atea". Tra intrighi e ambiguità"


La coscienza atea cresce perchè c'è qualcuno nella chiesa che l'alimenta, perchè altrimenti non si svilupperebbe se la Chiesa avesse al suo vertice un pontefice Santo e ciò significa che mira al vertice della chiesa stessa, oltre che alle politiche dei romani. 



"e all'opera di sacerdoti infedeli, che trafugano dai tabernacoli le ostie, per le messe nere, aderiscono a conventicole diaboliche, profanano il sacramento dell’eucarestia. In tutta chiarezza il Cristo di Porta Angelica vaticina: "Il diavolo distruggerà la parte migliore dei mio gregge... I miei consacrati, che hanno perso tutto l’amore, non fanno altro che insultarmi e sputarmi addosso". Parla poi di un "leone ruggente" che avanza contro la Chiesa e di un "rosso Lucifero", che alla testa delle sue legioni si appresta a gettare scompiglio nel popolo di Dio (primo novembre 1987). Egualmente severo è il giudizio su di un tessuto sociale deteriorato dall'indegnità dei leader, sui quali ricadrà la responsabilità di avere lasciato che le leggi delle nazioni spezzassero la legge divina 

(12 novembre 1987). Vengono chiamati in causa dalla profezia ministri e magistrati. L’avvertimento per questi ultimi è categorico: "Se non fanno penitenza e non affrontano le loro responsabilità periranno uno dopo l’altro" (8 ottobre 1987). Colpisce che nei loro confronti l’ora­colo abbia ritenuto di dover muovere un richiamo così specifico, al di là di quanto previsto dal più generale monito all'umanità intera."


Qui l'interpretazione ha rovinato in parte l'esatto senso di quello che il testo rivelava.



Implora da suor Anna quella pietà che altri gli negano. Le chiede, certe notti, di non dormire: "Veglia con me, ho bisogno della tua compagnia. Immergiti nella somma contemplazione... Questa è la mia difficile ora tenebrosa... Dedica del tempo al mio amore nel mio sacramento... Lascia che io ti usi, abbandonati a me senza pensare a ciò che ti accadrà..." (8 settembre 1987). 


E' proprio così, Cristo ama molto che noi lo amiamo, che noi lo consoliamo e che noi ci affidiamo pienamente a lui, è una sua realtà e non è perchè Egli è un bambino spaventato, ma perchè Lui vuole vedere fino a che punto siamo propensi nel offrirci a Lui, nel darci e nel soffrire con Lui per Lui e per il mondo. Questo è il dunque chi di noi ha il coraggio di prendersi sulle nostre spalle le sue pene? Forse nessuno! Ma almeno consolarlo, si!

"Io amo e aspetto giorno e notte nel mio tabernacolo di poter abbracciare tutti... Fra i veli del mio tabernacolo continuo a guardare, ma nessuno viene a farmi visita"

Questo è il più grande e spasmodico amore che Cristo dimostra per noi, per le nostre miserie e le nostre sofferenze, ma noi nulla duri più dei muli. 


 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


"...L'ora dell'Apocalisse". 

"Sii pronta per ciò che Mi aspetto da te. Prega ed espia. Con le lacrime nel cuore Io chiamo tutti a pregare. Questa è l'ora dell'Apocalisse...
Se non si pentono conosceranno solo la desolazione".


I testi qui descritti in questo sito sono meravigliosi, anche se pieni di dolore e sgomento, per quello che deve venire, e verrà perchè oramai il mondo vuole seguire i suoi idoli e le sue vanità, non c'è più nessuna speranza, l'uomo si vuole salvare si deve preparare, deve pregare molto e deve agire per convertire il prossimo più che può perchè la salvezza propria oggi è appesa ad un filo, 
molto molto sottile!